January 5, 2015

Please reload

Post recenti

Il paesaggio come luogo interiore, il mito e la natura che si intrecciano in una pittura declinata verso un nuovo simbolismo: Gianluca Sità ritrova el...

Nelle terre della perdita

May 8, 2016

1/2
Please reload

Post in evidenza

Acrostico dell’Arte

G esti di una pittura attenta, silenziosa e misteriosa che s’inerpica

tra le pieghe del mondo e riporta alla luce frammenti di realtà.

Particolari di un universo senza tempo. Forse dimenticato.

 

I mmagini che nella loro immediatezza catturano l’attenzione di chi

osserva, in modo naturale, senza anacronismi, senza artifici di maniera.

Immagini come azione di un teatro visionario colto nell’attimo.

 

A ttimo dello sguardo, attimo della mente. Tra queste figure

Il divenire del tempo muta in uno stadio di immobilità sospesa

e metafisica.

 

N essun rumore, nessun sussulto altera lo stato di quiete di

queste immagini che si muovono come proiettate all’interno

d’un palcoscenico sospeso tra realtà e finzione.

 

L uce come elemento complice di una pittura che scorre lenta

come un flusso. Luce come flash improvviso che bilancia l’im

mobilità esemplare delle immagini.

 

U na – due – tre forme dentro al quadro bastano per descrivere

l’esemplarità del frammento d’una visione del mondo. Dove il mini

mo diviene necessario tentativo di rarefare puntando verso l’es

senzialità della pittura. Less is more.

 

C colore freddo, livido, tagliente come lama di metallo.

squarcia l’oceano del buio.

 

A ssolutamente non servono definizioni, parole ad una pittura

che squarcia . Oltrepassa i limiti, le categorie del tempo.

le comode e pedissique, magari anche logore, distinzioni

astratto/figurativo.

 

S ilenzio come universo d’una quiete assoluta e sospesa.

là dove galleggiano alla deriva schegge d’immagini.

 

I stantanee d’un mondo trascorso : ogni quadro focalizza

l’attenzione verso una visione intima ed “interna” di un mondo.

Non individuale ma collettivo, dell’intera umanità.

 

T rasgressioni di una pittura che è estranea, avulsa, ai cliché,

alle mode attuali. Una pittura che forse per alcuni versi “guarda

all’indietro” ed al tempo stesso trapassa il silenzio del vuoto

per riempirsi di buio dove far sprofondare il senso, i significati

d’ogni immagine.

 

A llontanatevi da ogni quadro per poter meglio cogliere

Il momento dell’istante che è epifania d’un desiderio compiuto.

Il desiderio di un’ arte oltre i limiti del tempo.

 

Lidia Reghini di Pontremoli

 

(www.reghini.net)

Please reload

Seguici

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Cerca per tag
Please reload

Archivio
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square